Spiragli di luce

Spiragli di luce



solo questo mi è venuto in mente,

Tre parole per un titolo.


Avrei mille frasi in testa da rendere indelebili su queste pagine,


ogni mattina,

guidando penso…


tutto ciò che vorrei scrivere ma che poi rimane chiuso a chiave tra i mie perché.


Mi sento come quando, da bambina erano le

12.15

di un qualsiasi giorno infrasettimanale…


Mancavano ancora 15 lunghissimi minuti al suono della campanella,

attimi in cui lo sguardo si posava ripetutamente sull’orologio,

momenti frenetici nel preparare cartella,

interminabili minuti in cui, mentre la maestra dettava i compiti, le braccia si incrociavano sul banco e la testa ciondolava su di essa, lanciando lo sguardo, oltre le finestre agghindate, là dove le farfalle svolazzavano e la luce del sole era la protagonista…


La mia vivacità voleva uscire, non solo da me stessa ma da quell’aula…

vedere dal vetro che là fuori l’aria profumava di libertà

significava per me rallentare il tempo…


Così percepisco lo scandire dei momenti oggi…

come quando ti senti ad un passo da ciò che vuoi ma non sono ancora le

12.30.


Avvolta da una nebbia fitta cerco lo spiraglio di luce che illumini il cammino…


Forse sto diventanto troppo poetica

o forse invece troppo matura…


Non mi rimane che chiudere gli occhi,

per non vedere la farfalla dietro al vetro

libera di volare là,

dove l’aria è più pungente

e il cielo più blu.



Bacini,

Mirtilla

Spiragli di luceultima modifica: 2009-05-08T23:36:20+00:00da mirtilla273
Reposta per primo quest’articolo

6 pensieri su “Spiragli di luce

  1. Bellissimo post.. letto tutto d’un fiato… non c’è nulla di più vero delle tue parole in questo momento, per me…

    Se può farti sentire meno sola, anche qui da me sono le 12.15 e per quanto aspetto mi sembra di restare sempre lì a 15 min prima di quel traguardo..

    Mah.. spero di raggiungere prima o poi l’atteso suono della campanella!!! Cleo.

  2. LUCE SU DI ME
    …la mia luce è ritornata
    a salarmi di gocce.
    Pianti, pensieri profondi
    ed ogni volta
    è un altro giorno stupito
    all’orizzonte…

    Luce su di me
    luce
    è il pregio
    il difetto
    una fascina in sogno
    luce su di me.

    Niente con niente
    zero e stroncato
    perduto
    completamente solo
    io
    servo del mare
    con il cuore sull’orma
    e il morso degli anni.

    Luce su di me
    luce
    è la rotta di un sogno
    luce su di me.

    Anche solo
    per un fantastico giorno…
    E domani partoriamo il sole.

    Da “Il cuore degli Angeli”
    di Maurizio Spagna
    http://www.ilrotoversi.com
    info@ilrotoversi.com
    L’ideatore
    paroliere, scrittore e poeta al leggìo-

Lascia un commento