Le nuvole nere arrivano in un soffio

Credevo che solamente la morte facesse disperdere così tante lacrime ed invece stasera mi accorgo che anche un Ente può travolgerti nel giorno più brutto degli ultimi mesi.

 

 

Quando studi tanto, tantissimo,

quando sei motivato a farlo,

quando sai che sei sulla strada giusta,

quando sei tranquillo di ciò che stai facendo

e ti accorgi che la burocrazia può fermarti,

metti tutto in discussione.


Nella notte in cui non riesco a fermare le lacrime,

ho perso la voglia di lottare per arrivare.

Non è vero che VOLERE E’ POTERE.

Non credete a chi ve lo dice.

Non è vero che studiando giorno e notte raggiungerete la meta e la realizzazione del sogno.

 


Semplici e pure balle

 


Perché ci sarà sempre qualcuno che vi dirà che i vostri cerchietti non erano completamente anneriti e che quindi la vostra prova non è valida.

E non ve lo faranno notare buttandovi fuori dalla graduatoria, ma vi daranno uno stupido voto fittizio, uno maledetto 8 per gettarvi lì, al 421esimo posto e farvi tacere invece del vostro meritatissimo 7posto di accesso al concorso.


Vi prenderete per pazze, perché in realtà voi sapete che su 30 risposte ne avete date corrette 28,

ma non ci crederete finché davanti a voi non verrà messo il foglio della vostra prova…

 

 

E qui inizierà il delirio…

 


Inizierete a piangere, a disperarvi come se davanti non aveste un dirigente ma vostra mamma, a cercare di capire come mai il vostro 28,5 di punteggio vi ha schiaffato in fondo, là dove ci sono i fannulloni che vanno per provare, là dove tutti vedranno il vostro nome…

 


ed anche se dovremmo infischiarcene del pensiero altrui perché la corsa è su noi stessi, vi sentirete mancare il terreno sotto ai piedi perché agli occhi di tutti siete al pari di quella gente e non dall’alto del vostro 7posto…

 


E tutto perché avete annerito il pallino in maniera incompleta…non arrivando ai margini.

 


Hanno passato persone le quali hanno dato risposte peggiori di voi, e voi che vi sentite il merito della prova cucito addosso, avete ricevuto 8 punti dettati non si sa da cosa, dato che i 30 pallini erano stati colorati tutti nello stesso modo.

 


E lo spiacevole di tutto questo, non è che non avete accesso allo scritto di lunedì, ma semplicemente che certa gente, la burocrazia, l’attaccarsi ad una formalità assurda perché il pallino non era colorato fino ai bordi ma era chiaramente segnalato come risposta esatta, è che vi hanno tolto la gioia di andare avanti, di crederci e di sperarci.


Avreste preferito non sapere quelle risposte invece che vedere il vostro foglio quasi privo di errore.


Ed adesso volete solo lasciare tutto e isolarvi da questo mondo infame e ingiusto.

Perché se veramente l’atto è viziato non mi hanno direttamente tolto dalla graduatoria d’accesso?

Perché?


Una parte di me oggi è morta lì, in quella stanza, non c’è più voglia d’andare oltre.


Non voglio più avere a che fare con questo mondo fatto di corruzione, cavilli e formalità assurde.

 

 

Non ho più voglia di niente.

Domani brucerò i libri.

Lo farò perché non ha più senso studiare per qualcosa in cui non credo.

E sentirmi dire dal mio migliore amico : E’  GIUSTO COSI’, FUNZIONA COSI’ è stata per me stasera la pugnalata che ha dato il colpo di grazia alla mia voglia di lottare.

A volte è meglio una bugia a fin di bene che la verità che ti fa scivolare nel baratro.

Ma questo certa gente non lo capisce.

Solo io so come mi sento,

il vuoto che provo,

gli occhi gonfi e pesi da non riuscire a vedere niente attorno.

 

Così io mi ritrovo risucchiata dai neri pensieri e maledico il giorno in cui ho intrapreso questa strada.

 

 

 

Le nuvole nere arrivano in un soffioultima modifica: 2009-04-03T00:54:00+00:00da mirtilla273
Reposta per primo quest’articolo

4 pensieri su “Le nuvole nere arrivano in un soffio

  1. mi dispiace tanto, lo so, io mi son avvelenata per un timbro poco ricalcato sui fogli del tirocinio che me l’hanno fatto slittare di un mese…tutti se ne fottono, tutto va a rotoli, volere non è potere, ma non bruciare tutto, oramai quello che hai studiato, fatto, lo sai, è una cosa tua cerca di raccogliere le energie e con tutta la cattiveria che ti senti addosso buttati e cerca altro, datti la possibilità.Sarà dura, tanto, a me nessuno mi paga e tutti mi fanno sgobbare, lo faccio a denti serrati.L’unica cosa che ci è rimasta è la speranza che tutto questo ci porterà ad avere qualcosa in mano…fanculo i cavilli e i pallini,son degli stronzi, sarà stato deciso già tutto a tavolino!
    mi dispiace stellina, davvero

  2. Capisco il tuo dispiacere, ma mi sembra un po esagerato paragonare le lacrime per un concorso a quelle che si possono versare davanti alla morte… Basta vedere cosa è successo in Abruzzo per risollevarsi no? … e dire che in fondo un concorso sbagliato non è un male estremo…irrimediabile…
    Comunque condivido la tua rabbia… quella si!!! Anche perchè mi sembra assurda la storia dei pallini… (solo in italia può succedere una cosa simile).
    Se posso darti un consigio… NON DARTI PER VINTA!!! CREDO PROPRIO CHE LE QUALITA’ LE HAI E SE NON è ORA SARA’ POI… DAI MIRTILLA CE LA PUOI FARE!!!

    saluti

  3. Dovresti elogiare il tuo amico, ha avuto coraggio di dirti la sua opinione così, nuda e cruda, senza falsa ipocrisia. Sai che da lui puoi sentire solo la verità. E poi sono sicuro che non sei una che abbandona, hai grinta da vendere e sicuramente lo rifarai.

    Ciao

Lascia un commento